Scegliere di acquistare un’auto elettrica è un passo importante e da ponderare con attenzione dato che sono molti i vantaggi e svantaggi di questo veicolo rispetto alla tradizionale macchina a motore termico. Un vantaggio importante è dato dai costi di gestione e manutenzione bassi – il motore elettrico ha meno sollecitazioni del motore a combustione.

Al risparmio si aggiunge il fatto che la carica elettrica costa meno del pieno di benzina o diesel e il fatto che oggi con la auto elettrica si può accedere anche a centri storici e ZTL, sempre più presenti in Italia. L’ultimo vantaggio riguarda l’attenzione all’ambiente – si tratta di un veicolo a zero emissioni – e il comfort di guida dato che il motore è silenzioso e non ci sono vibrazioni.

Tuttavia, la nostra guida ai modelli di auto elettrica deve comprendere anche alcuni svantaggi che il cliente deve conoscere prima di recarsi dal concessionario:

  • Scarsa diffusione delle colonnine di ricarica, che rendono necessaria l’attenta pianificazione di ogni viaggio;
  • Scarsa autonomia delle auto elettriche, che non supera i 300 km;
  • Prezzo elevato con listini che partono ben sopra i 20.000 euro anche se sono disponibili incentivi statali per ottenere uno sconto che può arrivare fino a 10.000 euro.

I modelli da prendere in considerazione

Sempre più città vietano la circolazione nel centro urbano delle auto diesel e dal 2025 i motori diesel spariranno dalle nostre strade a vantaggio delle auto elettriche. Si tratta di modelli soprannominati EV – Elecric Vehicle – o BEV – Battery Electric Vehicle. A queste tipologie di auto elettrica si aggiungono le auto ibride, in cui l’autonomia della batteria viene aumentata dalla copresenza di un piccolo motore termico.

In questo caso il veicolo prende il nome di Range Extender, dato che è un’auto alimentata a benzina ed ha come unica finalità quella di generare energia fondamentale per ricaricare le batterie ed aumentare così l’autonomia dell’auto senza intervenire sul moto della vettura.

Gli incentivi 2022/2023 e quali auto acquistare

Dopo aver visto i modelli di auto da prendere in considerazione torniamo al prezzo, che può essere ridotto grazie agli incentivi per auto elettriche che variano in base al valore delle emissioni della vettura.

Un primo incentivo è destinato a chi acquista auto elettriche con emissioni di CO2 comprese tra 0 e 20g/km e consiste in un bonus pari a 6000 euro. Il secondo incentivo, del valore di 3500 euro, è riservato ad auto ibride con emissioni comprese tra 20 e 60 g/km di CO2. Se allo stesso tempo si rottama un veicolo che ha almeno 10 anni di età si arriva a 10.000 euro per l’auto 100% elettrica e a 6500 euro per l’auto ibrida.

A conti fatti, quindi, per l’acquisto di un’auto elettrica, da oggi, si può beneficiare di uno “sconto” fino a 10.000 euro, mentre per un’ibrida (CO2 tra i 20 e i 60 g/km di CO2) si può arrivare ad un taglio sul listino pari a 6.500 euro. Attenzione però: queste agevolazioni valgono solo per auto con prezzo di acquisto fino a 61.000 euro IVA inclusa e non per macchine di valore superiore.

Agli incentivi già citati si affiancano quelli per chi ha un ISEE inferiore ai 30.000 euro: si tratta di persone che possono acquistare una nuova auto elettrica che non costa più di 36.300€ IVA inclusa, con lo sconto del 40%. Infine, se si rottama un’auto vecchia di 10 anni con emissioni CO2 comprese tra 61 w 135 g/km si ottiene uno sconto sulla nuova macchina elettrica pari a 3.500 euro

In conclusione, oggi sul mercato sono disponibili veramente tanti modelli di auto elettrica e tenendo conto di vantaggi, svantaggi ed incentivi statali si può valutare se passare alla cosiddetta mobilità sostenibile in attesa che nel 2025 l’elettrico diventi l’unica modalità di guida. In ogni caso DazeTechnology rappresenta il punto di riferimento per chi assieme all’auto elettrica sta valutando l’installazione di una WallBox per la ricarica domestica. Contattaci per informazioni!